San Pio da Pietrelcina a Gesualdo

Nel mese di Novembre del 1909, un giovane novizio di nome Fra Pio da Pietrelcina raggiunse il Convento dei Padri Cappuccini per completare il percorso di studi seminaristici presso la Scuola di Teologia Morale del Seminario Serafico di Gesualdo e ricevere la consacrazione sacerdotale.

Il giovane frate, già fortemente debilitato dalle cagionevoli condizioni di salute, dopo solo quaranta giorni, fu costretto a lasciare Gesualdo per rientrare in famiglia a curarsi.

Riprese le forze e superati i malanni, Fra Pio poté finalmente ricevere la consacrazione a sacerdote nel Duomo di Benevento nell'agosto del 1910.

 "... si avvertiva spontaneo, per la sua assenza, un gran vuoto nei nostri conventi e si viveva di speranze e aspettative, che ci infondevano conforto e quasi certezza che l'amabile presenza di fra Pio fosse sempre con noi", così Padre Giulio Guglielmo da S.Giovanni Rotondo, compagno di noviziato, descriveva nei suoi diari la presenza del giovane frate nel Convento di Gesualdo.

Anche se breve, la presenza di Padre Pio rimase impressa nella memoria dei suoi compagni e della comunità monastica di Gesualdo.

A testimonianza di quella straordinaria presenza, oggi, nel convento è possibile visitare la Cella dove visse il Santo e un piccolo Museo dove sono custodite reliquie e testimonianze del passaggio di San Pio da Pietrelcina a Gesualdo.

Il luogo, ameno e sobrio, è oggi meta di tanti devoti pellegrini che raggiungono la quiete di Gesualdo per ripercorrere lo straordinario cammino di fede e di speranza che ha reso la figura del Santo con le stigmate un’icona della moderna cristianità.




L'Irpinia di San Pio - documentario TD'I


Per una visita al Convento e ai Luoghi di San Pio contattare:

Fr. Gerardo SALDUTTO

Convento Cappuccini 83040 Gesualdo (AV)

Tel. 0825 40 10 24


Condividi su